Image

Image

Roscigno vecchia la Pompei del 900

84020 Roscigno Vecchio SA, Italia

by Lara Kipling
125

Overview

un borgo medievale nascosto alle pendici del monte Pruno, con una grande piazza e una chiesetta settecentesca, una fontana, le botteghe e i bar. Era abitato da contadini e pastori, calzolai e fabbri, e non mancavano i “don”. Un piccolo paesino paragonabile a tanti altri, ma solo fino al 1902, quando il pericolo di una frana costrinse gli abitanti a trasferirsi un po’ più su. Da quell’anno, Roscigno divenne un borgo unico, speciale e abusivo, come l’unico abitante che ostinatamente continua a viverci. Roscigno Vecchia è Patrimonio dell’Unesco. Nel 1982 Onorato Volzone, giornalista de Il Mattino, l’aveva definita la “Pompei del 900”. Visitare questo piccolo borgo segreto significare visitare un luogo e un tempo che ormai non ci sono più. Arrivati a Roscigno Vecchia, un cartello annerito dal tempo ci ha avvisati di non avvicinarci imprudentemente ai fabbricati esistenti. La prima sensazione è stata quella di visitare un paese fantasma. Le case sono incravattate da travi che le sorreggono e c’è un silenzio surreale. Mura crollate, travi spezzate, solai sfondati. Ci sono portali di pietra, le antiche botteghe sbarrate e in rovina. La fucina del fabbro, le stalle, le cantine. Poi c'è la chiesa: San Nicola. La grande Chiesa Madre: settecentesca, elegante, sconsacrata. È stata abbandonata quasi mezzo secolo fa. Tre navate, ricca di altari. Una chiesa del Sud. Poi c'è la piazza...Non è una vera piazza, infatti non assomiglia a nessun'altra al mondo. Non ha selciato, è una grande radura. C'è la fontana, ci sono gli alberi, c'è il perimetro irregolare di case di pietra e alcune sono state restaurate, altre invece sono ancora pericolanti, altre ancora sbriciolate. Un luogo magico